skip to Main Content
Menù

un punto di riferimento della mia vita

Alessandro non era più meritevole o più degno di ogni altro diciannovenne di continuare a percorrere ancora per tanto tempo e in maniera spensierata e felice le tappe della vita … egoisticamente, però, ho più volte pensato dal momento del suo incidente che al suo posto avrei voluto ci fosse stata un’altra persona …  mi ci è voluto veramente molto tempo per convincermi che evidentemente il destino di alessandro era quello e che ormai non ci potevo fare più niente. Non ho voglia di elencare i pregi e le virtù di ale come spesso si fa quando succedono tragedie come questa … lui per me era un ragazzo normale, con pregi e difetti, spesso non ci capivamo anche per diversità caratteriali e spesso litigavamo anche … ma alessandro per me rappresentava semplicemente un punto di riferimento, una di quelle persone che hai sempre in mente mentre vivi le tue esperienze di vita quotidiane e su cui sai che puoi sempre contare per un sostegno, reale e pratico, nei momenti difficili come in quelli di gioia .. sembra il prototipo della banale descrizione di amico ma sono parole che mi escono semplicemente pensando ad ale e all’amicizia che mi offriva quotidianamente … se ci rincontravamo dopo un mese in cui non c’  eravamo visti era come se fosse passata un’ora … penso che questo possa accadere solo con le persone con cui si è cresciuti insieme … non sono ancora sicuro di avere realizzato che il mio vecchio compagno di giochi del palazzo affianco non c’è più ma già il fatto di aver esternato le mie sensazioni, cosa che non ero riuscito a fare fino ad ora, mi fa capire che un passo avanti è stato fatto … cerchiamo di dare tutti un contributo alle importanti iniziative di questa fondazione che mantiene vivo il ricordo di alessandro …
Marco

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità. Cliccando su accetta acconsenti all’uso dei cookie.

Back To Top