skip to Main Content
Menù

newsletter giugno 2016

Cari Amici,
con l’arrivo dell’estate gran parte delle nostre attività che riguardano i giovani inevitabilmente si interrompono per poi ricominciare con l’inizio dell’anno scolastico. Approfittiamo volentieri di questa pausa per dare a voi che ci seguite e sostenete, alcune notizie sulle attività da noi svolte nel primo semestre del 2016.

Già da dicembre, in collaborazione con la Pizzeria Fresco, abbiamo avviato un progetto della durata di sei mesi per formare ragazzi della Sanità al mestiere di Pizzaiolo. Alfredo Forgione, uno dei più famosi pizzaioli napoletani, sta gratuitamente insegnando l’arte della pizza a Mariano, il primo ragazzo partecipante al progetto, al quale abbiamo anche garantito una diaria mensile. Siamo convinti che un apprendistato di così alto profilo gli consentirà un più facile inserimento nel mondo del lavoro. Abbiamo in programma di ripetere lo stesso tirocinio per altri ragazzi e siamo favorevoli a cercare nuove opportunità per addestrare i giovani ai mestieri.

A marzo è stata assegnata dalla nostra commissione l’ottava Borsa di Studio Alessandro Pavesi alla dottoressa Marta Gionco finalizzata alla realizzazione del progetto di studi sulla tutela dei diritti dei migranti presso l’Università di Oxford o presso la SOAS dell’Università di Londra per l’anno 2016/2017.

Sempre a marzo, Il Nuovo Teatro Sanità è stato inserito fra i siti da visitare durante le Giornate FAI di Primavera con visite guidate a cura dei ragazzi della “bottega teatrAle” che hanno anche improvvisato uno spettacolo per i tantissimi turisti presenti. La visita ha riguardato la chiesa del ‘700 dell’Immacolata e San Vincenzo che dal 2013 è sede del teatro dove svolgiamo i nostri corsi di Bottega TeatrAle per bambini, ma anche prezioso luogo d’incontro per i giovani del quartiere nonché per gli ormai numerosi spettatori che arrivano dal resto della città e dalla provincia per seguire li cartellone teatrale del Nuovo Teatro Sanità curato da Mario Gelardi. Riteniamo che mantenere vivo il Teatro alla Sanità, unico presidio culturale, sia anche un modo per contrastare l’isolamento del quartiere.

Il 12 Aprile, durante la finale del Torneo ATP Challanger al Tennis Club Napoli, è stato estratto il biglietto vincente della lotteria “Vinci la racchetta e regala un’opportunità” con in palio la racchetta generosamente donata da Flavia Pennetta. Con il ricavato della lotteria abbiamo sostenuto parte delle spese di logoterapia necessaria ad aiutare i bambini con difficoltà di apprendimento che seguiamo quotidianamente con il nostro doposcuola.

A maggio la squadra della Poerio ha vinto l’ottava edizione del Torneo di Pallavolo Alessandro Pavesi a cui hanno partecipato le scuole medie Viviani, Tito Livio, Ristori, Marechiaro, Fiorelli e Poerio.

Con molti di voi ci siamo incontrati il 3 maggio al Teatro Diana per la “serata ideAle” e abbiamo trascorso insieme momenti di allegria con le gag surreali di Francesco Paolantoni e Stefano Sarcinelli e condiviso anche parte dei nostri sogni che si stanno realizzando grazie ai successi dei “nostri ragazzi” vincitori delle otto borse di studio sui diritti umani che abbiamo assegnato. Siamo orgogliosi di tutti loro e siamo felici di aver dato loro delle opportunità in più. Il ricavato della serata ideAle 2016 è stato destinato al sostegno di parte delle attività della Fondazione alla Sanità.

In occasione del convegno “Filantropia è responsabilità” organizzato a Napoli a maggio dall’Assifero, l’associazione che raccoglie le fondazioni filantropiche italiane e di cui siamo membri da quest’anno, la nostra Fondazione ha organizzato una visita alla palestra provvisoria del Champion Center a Scampia e una al Nuovo Teatro Sanità, realtà che hanno destato entrambe grande interesse fra i partecipanti. Noi ci auguriamo che con la collaborazione di alcuni di loro potremo finalmente trovare una palestra adeguata ai ragazzi del karatè di Scampia e rafforzare la “bottega teatrAle” sviluppando un progetto parallelo di addestramento ai mestieri funzionali al teatro.

Durante la prima metà del 2016 abbiamo portato avanti, con i nostri straordinari “maestri di teatro e di vita”, Salvatore Guadagnolo e Peppe Coppola, i progetti nelle Scuole Medie Poerio e Ristori che hanno coinvolto circa 200 ragazzi e affrontato con loro in maniera interattiva temi importanti quali il femminicidio, i problemi dell’immigrazione, dell’integrazione, della diversità e il rapporto tra libertà e partecipazione.

A maggio, al teatro dell’ Institut Grenoble, tre delle classi della Scuola Poerio hanno messo in scena uno spettacolo in cui hanno espresso con la recitazione i loro pensieri e le loro sensazioni sugli argomenti affrontati, mentre i ragazzi della terza F hanno letto brani tratti dal libro “Un incontro ideAle” elaborato attraverso il nostro progetto di scrittura creativa e prodotto ed edito dalla Fondazione. Il libro parla delle preoccupazioni, difficoltà e speranze degli adolescenti in un mondo attraente, ma pieno di incertezze e pericoli. Anche le due classi della Scuola Ristori che hanno partecipato tutto l’anno ai nostri progetti hanno suggestionato gli spettatori presenti al teatro della loro scuola nel quartiere Forcella, mettendo in scena riflessioni profonde e paure sul loro mondo di adolescenti, turbato purtroppo da problemi a loro molto vicini come il bullismo e le libertà negate.

Con una grande festa per i bambini che hanno partecipato ai corsi durante tutto l’anno, si è chiusa la stagione 2015-16 dei doposcuola: grazie ai tanti nostri volontari – ragazzi ed adulti – che ogni giorno assicurano una presenza a rotazione (impossibile nominarli tutti, ma sono tantissimi!) e all’instancabile Suor Lucia, quest’anno oltre 80 bambini di scuola elementare, media e superiore sono stati supportati nei loro studi.

E’ finito il doposcuola ma è cominciato anche quest’anno un corso bisettimanale di Inglese per i bambini e ragazzi del quartiere, tenuto da insegnanti volontarie, che si protrarrà per tutto il mese di giugno e che come sempre riscuote un grande entusiasmo tra i ragazzi e i genitori.

In ultimo, abbiamo rinnovato la grafica e la funzionalità del nostro sito web per renderlo più facilmente consultabile e fruibile dai social network.

Vi ricordiamo che potete aiutarci a seminare altre “piantine di Ale” con la donazione del 5×1000 alla Fondazione Alessandro Pavesi ONLUS, indicando il codice fiscale 95109830638 nella dichiarazione dei redditi.

Come sempre l’aggiornamento sulle attività è anche un’occasione per noi per ringraziare tutti quelli che in prima persona ci aiutano ogni giorno, quelli che ci sostengono e quelli che con noi condividono i principi ispiratori della Fondazione e ci danno la forza e la fiducia necessaria per continuare più saldi nel nostro percorso.

Un caro saluto

Paola, Maurizio e Federico

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità. Cliccando su accetta acconsenti all’uso dei cookie.

Back To Top